L’amore per la campagna,
fin da piccoli

Coltiviamo le terre sulle rive pavesi del Po, tra Zerbo, Spessa e San Zenone, sin dai primi del ‘900. Il nostro riso è la storia della famiglia: da papà Giancarlo, che dissodò i primi campi per produrre il prezioso cereale, fino a noi, cresciuti giocando fra i trattori e bagnando le caviglie nelle risaie. Oggi produciamo con attrezzature moderne, ma la cura è ancora quella antica, artigianale e fatta di passione.

Maria Luisa, Ombretta, Roberto e Sergio Berneri

Oggi, come allora, più di ieri

Sergio e Roberto lavorano direttamente i terreni: li potete incontrare nei campi, mentre analizzano minuziosamente i chicchi nelle spighe o guidano le immense mietitrebbie che solcano i grandi campi dorati.

«Nessuno poteva tenermi lontano dai campi» Ricorda Sergio. «Da ragazzino fingevo di andare al catechismo per nascondermi sulla mietitrebbia in attesa che mio padre andasse nei campi. Quando mi scoprivano ormai era troppo tardi per tornare a lezione, così raggiungevo il mio obiettivo e andavo a trebbiare insieme a mio padre».

Ombretta e Maria Luisa sono l’anima commerciale ed economica dell’azienda, oltre che le custodi delle antiche ricette di mamma Angelina, che non confessano a nessuno, ma che sfoggiano nelle grandi risottate che i Berneri organizzano nell’azienda e che sono diventate un momento sociale che i cittadini di Zerbo aspettano ogni anno.

L’amore per la fatica, la voglia di condividere e stare insieme sono i valori che sostengono le generazioni della famiglia, da sempre.